Honda | Storia di Honda F1 Racing | Honda Formula 1 | Storia delle corse automobilistiche
Lingua Chiudi

Fai clic per cambiare lingua

Soichiro Honda, in preparazione per la nostra primissima gara di Formula 1 nel 1964 al Gran Premio di Ungheria.
Soichiro Honda, in preparazione per la nostra primissima gara di Formula 1 nel 1964 al Gran Premio di Ungheria.

Il battesimo del fuoco

Soichiro Honda ha affermato che "il successo è un fallimento al 99 percento" e le sfide non sono certo mancate da quando nel 1962 abbiamo iniziato i test in preparazione della nostra primissima gara di formula 1, nel 1964 al Gran Premio di Ungheria.

  • I PRIMI ANNI

    1962-1967

  • L'ETÀ DELL'ORO

    1986-1988

Scorri

L'era d'oro

Nel 1987, fornendo il motore sia alla Lotus che alla Williams, si realizzò la vittoria che Soichiro Honda aveva sempre sognato: la conquista del Campionato mondiale piloti e del Campionato mondiale costruttori.

Potenza Honda

La nostra serie vincente è proseguita nel 1988 con la McLaren che ha portato i nostri motori all'apice del successo con Alain Prost e Ayrton Senna alla guida della RA168-E V6 turbo. Abbiamo vinto 15 gare su 16 del calendario di quell'anno con la conquista da parte di Ayrton del Campionato piloti e la vittoria di un ulteriore Campionato costruttori.

Leggende del volante

Nel 1989, il team McLaren-Honda ha optato per una strategia originale per il motore V10 dopo la messa al bando dei turbo. Abbiamo nuovamente conquistato il Campionato costruttori con Ayrton Senna e Alain Prost, questa volta con Prost che conquista il titolo del Campionato piloti.

Energia in movimento

La vittoria di Gerhard Berger per la McLaren-Honda nel Gran Premio di Australia del 1992, l'ultima gara dell'anno, conclude la nostra seconda era nella Formula 1. Durante le stagioni successive siamo rimasti coinvolti tramite una fornitura ridotta di motori fino a quando non abbiamo sentito la chiamata nel 2000.

Il livello successivo

Aumentare il ritmo.

Nel 2000 siamo tornati, fornendo motori alla BAR, e nel 2004 siamo arrivati secondi. Nel 2006, il team, ora ribattezzato Honda F1 Racing, ha vinto il Gran Premio di Ungheria - la gara in cui Jenson Button ha ottenuto la sua prima vittoria in Formula 1. Il programma di motori "Earth Dreams" era iniziato nel 2007, ma venne interrotto a causa della crisi finanziaria globale. Tuttavia, nel 2009 il team ribattezzato Brawn GP terminò la progettazione della vettura e insieme a Jenson Button, vinse sei delle prime sette gare, arrivando poi a conquistare i titoli piloti e costruttori.

Riaccendere il fuoco

Dal 2014 la Formula 1 è passata ai propulsori ibridi e le auto sono state dotate di efficienti motori turbocompressi da 1,6 litri. Il richiamo di questo sport si è rivelato irresistibile e siamo tornati sulla griglia nel 2015, dando nuovamente vita a una delle partnership più famose di sempre nel mondo delle corse: quella tra Honda e McLaren.

Ulteriori informazioni sulla tecnologia ibrida

Le basi per il futuro

Con i nuovi partner Scuderia Toro Rosso abbiamo iniziato a testare i motori STR14 e RA618H. È stato un anno che ha portato anche un cambiamento nella gestione del team Honda Racing F1, con Toyoharu Tanabe che ha assunto il nuovo ruolo di Direttore tecnico. È stato anche l'anno in cui siamo riusciti a ottenere il nostro miglior risultato dal ritorno, con un 4° posto in Bahrain. Sebbene possa sembrare un anno deludente in termini di risultati, ha permesso di creare una buona piattaforma su cui basarsi per il futuro.

Nuove squadre e nuovi volti

Oltre alla Scuderia Toro Rosso, anche la Aston Martin Red Bull Racing 2019 ha deciso di utilizzare i motori Honda. Per la prima volta dal 2002 fornivamo i propulsori a 4 auto sulla griglia. Abbiamo anche accolto nella famiglia Honda alcuni volti nuovi, come i piloti Alex Albon e Daniil Kvyat che sono entrati a far parte del paddock di F1, insieme a Pierre Gasly e Max Verstappen che hanno ottenuto 9 podi, di cui 3 vittorie. La Scuderia Toro Rosso ha ottenuto il punteggio più alto di sempre, salendo sul podio due volte. Daniil Kvyat sul circuito di Hockenheim sotto una pioggia battente (terzo posto) e Pierre Gasly che batte Hamilton sulla linea del traguardo in Brasile conquistando il secondo posto.

3 vittorie: Austria, Germania e Brasile

Squadre
Auto
Piloti
Miglior risultato dal 2019
Giri più veloci dal 2019
Aston Martin Red Bull Racing

Auto da corsa RB16

Max Verstappen e Alexander Albon

3 wins: Austria, Germany and Brazil

Record sul giro: Verstappen

Hungaroring 1:14.572

Scuderia Alpha Tauri

Auto da corsa AT01

Pierre Gasly e Danil Kvyat

Secondo posto: Brasile

Giro più veloce: Gasly

Circuito internazionale di Shanghai 1:34.547

Vista frontale della gamma auto Honda.

La gamma Honda

Il DNA Racing di Honda è presente in tutte le nostre auto. Dai un'occhiata e scoprilo.