Eredità dei circuiti da corsa

Linee del tempo e linee della pista

Nel 1964 Honda è entrata nella Formula Uno, la competizione più importante per le corse automobilistiche. È stato difficile iniziare da lì, ma come per il Tourist Trophy dell'Isola di Man, volevamo partecipare alla competizione più importante della categoria. Anche in questo caso abbiamo dimostrato che imparare attivamente sul campo è il modo giusto per vincere.

Trovare la formula giusta

Per produrre un'auto competitiva occorre un motore competitivo.

Nel 1963 abbiamo iniziato a lavorare sul V12, R270E. Originariamente veniva costruito per la Lotus, ma nel febbraio 1964, la società britannica comunicò che non avrebbe potuto più usare i motori Honda. Era la prima battuta d'arresto, ma non era la fine. Eravamo solo all'inizio.

Motore delle auto Honda con immagine.

Nascita della RA270

Abbiamo riversato tutta la nostra energia nella fabbricazione della nostra primissima auto da corsa coinvolgendo una leggenda delle piste come Jack Brabham per provare la nuova RA270 sul circuito di Suzuka.

Dopo aver ingaggiato il pilota di Formula Uno Ronnie Bucknum, la nuova auto era finalmente pronta per entrare in gara nel Gran Premio di Germania nel luglio 1964. Finalmente Honda era arrivata al livello più alto delle competizioni automobilistiche.

RA270 con immagine.

"Il successo è costituito da un novantanove per cento di insuccessi"

Parole dello stesso Soichiro Honda, e non avrebbe potuto dirlo meglio.

Agli inizi degli anni '60 la Formula Uno è stata una dura scuola, abbiamo subito incidenti, sperimentato guasti ai freni o ai cambi e surriscaldamento. Abbiamo imparato da questi errori, apportando migliorie, effettuando prove su prove finché non eravamo pronti a iniziare di nuovo. Infine, abbiamo lanciato una nuova auto nel 1965, la RA272.

Il team Honda lavora sul motore con immagine.

La nostra prima vittoria

Il Gran Premio del Messico del 1965

Il team da corsa Honda e i due piloti, Richie Ginther e Ronnie Bucknum, stavano ancora cercando di superare i propri limiti, migliorando e apprendendo dall'esperienza. Poi, il 24 agosto 1965 ci siamo schierati tra i primi alla griglia di partenza del Gran Premio del Messico con Richie Ginther al volante della RA272. Proprio l'auto che avrebbe superato per prima il traguardo quel giorno, conquistando la nostra prima vittoria nella Formula Uno.

Richie Ginther e la RA272 con immagine.

La febbre della corsa

Quando attacca, non ce n'è più per nessuno

Ayrton Senna nella celeberrima McLaren Honda.

Ayrton Senna nella celeberrima McLaren Honda, durante il Gran Premio di Monaco del 1989.

Abbiamo continuato negli anni successivi e vinto nuovamente nel 1967, poi ci siamo presi una pausa. Quando siamo tornati negli anni '80, abbiamo vinto il titolo del Campionato costruttori nel 1986 con la Williams e stabilito un nuovo record di 11 vittorie consecutive nel 1988 con la McLaren. Il nostro successo è continuato fino al nostro ritiro nel 1992.

Ma la corsa sta nel nostro DNA ed è difficile starne fuori, soprattutto perché abbiamo imparato tanto da questa esperienza. Siamo tornati nel 2000, questa volta per fornire motori vincenti e supporto ai team BAR e Jordan per la Formula Uno fino al 2006. I nostri ingegneri e tecnici hanno avuto il privilegio di lavorare con alcuni dei migliori piloti da corsa del mondo. Piloti come Surtees, Laffite, Mansell, Prost, Piquet e Senna, di un valore inestimabile.

John Surtees corre per Honda.

Il leggendario John Surtees nel 1967. L'unico a vincere sia il campionato di MotoGP che il Gran Premio di Formula Uno.

Immagini Honda.

Il traguardo non è mai la fine

Perché non eravamo abbastanza veloci? Come possiamo essere più efficienti? Cosa ci farà progredire?

Quando perdiamo, analizziamo i perché e facciamo lo stesso anche quando vinciamo. Usiamo le nostre conoscenze per migliorare la qualità delle nostre auto e renderle migliori per chiunque affronti la strada nella vita di tutti i giorni. È questo il nostro dovere. Ecco perché siamo entrati in primo luogo nel Gran Premio di Formula Uno e perché siamo qui ora.

Leggi per saperne di più sul nostro ritorno in F1

2 auto Honda.
"Se Honda non gareggia, non è più Honda." Soichiro Honda
Primo piano di Soichiro Honda.